14 ottobre 2016 | by La Redazione Puglia IDV
Palazzo di Città inaccessibile ai cittadini diversamente abili

CANOSA. Abbattimento delle barriere architettoniche: il problema non ha trovato ancora la dovuta soluzione da parte del governo locale. Sono ancora tanti gli ostacoli che non permettono la completa mobilità alle persone con handicap, agli anziani con difficoltà di deambulare, ai genitori con i passeggini. Sono, queste, le persone maggiormente “discrimina te”, a causa della […]

CANOSA. Abbattimento delle barriere architettoniche: il problema non ha trovato ancora la dovuta soluzione da parte del governo locale.
Sono ancora tanti gli ostacoli che non permettono la completa mobilità alle persone con handicap, agli anziani con difficoltà di deambulare, ai genitori con i passeggini.
Sono, queste, le persone maggiormente “discrimina te”, a causa della presenza di barriere architettoniche, che impediscono la loro partecipazione a varie occasioni della vita sociale. Una pianificazione degli interventi tesi ad abbatterle ancora non esiste.
“La nostra città – sostiene Cosimo Pellegrino, capogruppo consiliare Idv- è tra quelle più bisognose di un intervento radicale per abbattere tutte le barriere architettoniche. E’ in concepibile che nel 2016 i diversamente abili, per esempio, non possano salire negli uffici del Comune”.
Censura: “E’ una grave lacuna di questa e delle precedenti amministrazioni comunali, che non si sono mai occupate attentamente di questo grave problema, che va gestito e risolto immediatamente, visto che le tecnologie e gli spazi ci sono”.
Rimarca: “Qualche tempo fa, La Salvia, nell’ ottica degli accordi finalizzati al mantenimento della poltrona e nell’ applicazione del manuale Cencelli, affidò la delega assessorile di questo settore cosi delicato a un ingegnere, tra l’ altro poco presente presso la struttura. Il risultato di questa scelta è che ad oggi l’ ufficio di Piano non è efficiente. Tale inefficienza si rileva dal fatto che ad alcuni cittadini diversamente abili, ai quali è stata data l’ autorizzazione per eseguire i lavori di abbattimento delle barriere architettoniche nelle loro abitazioni, usufruendo delle agevolazioni previste dalla legge n. 13/1989, dall’ aprile del 2015 non vengono erogati i contributi previsti. Ancora più grave è che ai richiedenti non viene data nessuna risposta in merito alle loro richieste. E questo è semplicemente vergognoso”.
Osserva: “Evidentemente a questi amministratori sfugge il fatto che normalmente le persone, che si rivolgono a questo ufficio, sono persone bisognose.
Anche se, a dire il vero, ignorare le richieste dei cittadini e non dare risposte è consuetudine, non solo dell’ ufficio di Piano, ma di buona parte degli uffici di questo Ente”.
Pellegrino conclude: “Ritengo quindi che sia un preciso dovere dell’ amministrazione quello di impegnarsi urgentemente per reperire i fondi necessari e realizzare progetti per ottenere finanziamenti ad hoc, volti ad abbattere non solo le barriere architettoniche per accedere agli uffici comunali, ma anche quelle presenti in tutta la città.
Cosi come sarebbe auspicabile che il sindaco dia disposizione a tutti gli uffici di ottemperare al loro dovere di rispondere a tutte le richieste dei cittadini, nei termini previsti dalla legge 241/90, nella considerazione che a pagare gli stipendi di tutti gli amministratori e quelli dei dipendenti sono proprio i cittadini -contribuenti”.

Leave a Reply

— required *

— required *



Indirizzo Nazionale:
Via di Santa Maria in Via, 12 00187 - Roma

Telefono Nazionale
06-69923306

Email: info@italiadeivalori.it
Le nostre immagini
Ultimi Tweet
'footernav', 'container' => '')); ?>
Italia dei Valori - Puglia | Tutti i diritti riservati ©