22 settembre 2016 | by La Redazione Puglia IDV
Marò, slitta al 28 l’ udienza per Latorre

NEW DELHI. La Corte suprema indiana ha fissato oggi una nuova udienza per il 28 settembre per decidere sull’applicazione al fuciliere di marina Massimiliano Latorre del beneficio già concesso a Salvatore Girone di restare in Italia fino alla fine dell’arbitrato internazionale, in corso all’Aja. Martedì gli avvocati di Latorre avevano chiesto ai giudici che il […]

NEW DELHI. La Corte suprema indiana ha fissato oggi una nuova udienza per il 28 settembre per decidere sull’applicazione al fuciliere di marina Massimiliano Latorre del beneficio già concesso a Salvatore Girone di restare in Italia fino alla fine dell’arbitrato internazionale, in corso all’Aja.
Martedì gli avvocati di Latorre avevano chiesto ai giudici che il loro assistito potesse beneficiare delle stesse condizioni di libertà provvisoria concesse mesi fa all’altro fuciliere, Salvatore Girone: la possibilità di attendere in Italia la decisione della Corte permanente di arbitrato dell’Aja su chi, fra Italia o India, ha giurisdizione sull’incidente accaduto nel 2012 al largo delle coste del Kerala, in cui morirono due pescatori indiani.
Latorre ha goduto di successive proroghe al permesso di permanenza in Italia per motivi di salute: l’ ultima è in scadenza il 30 settembre.
Il Tribunale, dopo un breve dibattito e dopo aver ascoltato anche le opinioni del rappresentante del governo indiano e dello Stato del Kerala, ha chiesto al primo di inviare per iscritto la posizione di New Delhi. Per questo l’ udienza è stata aggiornata al 28 settembre prossimo.
La notizia ha avuto eco in Italia soprattutto nel mondo politico. «Decisione inaccettabile», la bolla il capogruppo di Forza Italia in Commissione difesa, Elio Vito.
«Ora – dice invece in una nota il segretario nazionale dell’Italia dei Valori, Ignazio Messina – basta con i rinvii. Ce ne sono stati già troppi.
È da molto tempo che sulla vicenda -stillicidio dei marò italiani occorre decidere: alla prossima udienza la magistratura indiana non può non concedere a Latorre la possibilità di attendere in Italia la decisione della Corte permanente di arbitrato dell’Aja, non solo perché la limitazione della sua libertà personale viola le Convenzioni internazionali, ma anche per una ragione di uguaglianza di trattamento alla luce di quanto già deciso per Girone.
Senza dimenticare che il governo italiano ha assunto un impegno finanziario alla Corte internazionale di arbitrato».

Leave a Reply

— required *

— required *



Indirizzo Nazionale:
Via di Santa Maria in Via, 12 00187 - Roma

Telefono Nazionale
06-69923306

Email: info@italiadeivalori.it
Le nostre immagini
Ultimi Tweet
'footernav', 'container' => '')); ?>
Italia dei Valori - Puglia | Tutti i diritti riservati ©