19 maggio 2016 | by La Redazione Puglia IDV
Le invisibili riduzioni delle tasse

Leggendo il comunicato, la neo -assessora alle politiche di programmazione economico -finanziaria, Vincenza Pastore, ci spiega, con encomiabile faccia tosta, che nel 2016 le famiglie e le attività produttive di Canosa beneficeranno di un taglio fiscale pari a 1milione e 274mila euro, grazie alle “riduzioni e al le abrogazioni d’ imposta stabilite dal Governo centrale, […]

Leggendo il comunicato, la neo -assessora alle politiche di programmazione economico -finanziaria, Vincenza Pastore, ci spiega, con encomiabile faccia tosta, che nel 2016 le famiglie e le attività produttive di Canosa beneficeranno di un taglio fiscale pari a 1milione e 274mila euro, grazie alle “riduzioni e al le abrogazioni d’ imposta stabilite dal Governo centrale, unite alle riduzioni disposte dall’Amministrazione Comunale.” Ora, i tagli fiscali di cui parla l’ assessora, degno membro della giunta La Salvia, sono per la quasi totalità opera del governo centrale.
Com’è noto, infatti, il Governo Renzi, con la legge di Stabilità 2016, ha previsto, a partire da quest’anno, l’ abolizione della Tasi sulla prima casa, cosi come dell’ IMU per i terreni agricoli posseduti e condotti da coltivatori diretti o imprenditori agricoli iscritti nella previdenza agricola. Alla legge di Stabilità 2016, e dunque al governo centrale, sono da ascrivere altresì tutte le altre riduzioni riguardanti l’ IMU enumerate dall’assessora.
Viene da chiedersi, dunque, a cosa si riferisca esattamente l’ assessora Pastore quando dice che “il 2016 per Canosa è un anno di svolta”, e che ci sarebbe stato “un taglio totale della fiscalità locale del 27%” quale “risultato delle delibere approvate dal Consiglio comunale di Canosa di Puglia in data 30 aprile 2016”, visto che il taglio riguarda tutti i Comuni italiani, essendo un risultato esclusivo delle scelte del governo centrale e non certo dell’ amministrazione comunale, e meno che mai della neo -assessora al bilancio (il quarto assessore al bilancio della giunta La Salvia). Peraltro va ricordato che, per compensare i minori introiti derivanti dai tagli Imu e Tasi, previsti dalla legge di stabilità, il Governo ha corrisposto ai Comuni trasferimenti statali congrui: il Comune di Canosa ha ricevuto un ristoro compensativo pari a 1milione e 432mila euro (dato ufficiale sito finanza locale quota F.S.C. 2016), laddove la riduzione di tassazione (voluta, lo ribadiamo, dal Governo centrale) ammonta a circa 1milione e 270mila euro.
Dove è andata a finire la differenza tra quanto incassato dal governo e quanto “detassato”?
Perché questa differenza non è stata utilizzata per fare ciò che la giunta dice mentendo – di aver fatto, cioè tagliare le tasse?
Gli unici interventi dell’ amministrazione La Salvia in materia fiscale sono la riduzione di un punto percentuale dell’ aliquota Imu relativa alle aree edificabili, che scende dal 10,6 per mille al 9,60 per mille, e l’ aumento della Tari del 10%, (si passa da 3.666.317,28 euro nel 2015 a 4.012.097,06 nel 2016). Ma va detto che nel bilancio comunale la voce entrate fiscali da Imu aree fabbricabili riporta, nel 2015, un valore di euro 124.374,13, per cui la riduzione di 1 punto percentuale della tassazione sarebbe pari a circa 11 mila euro, mentre l’ au mento della tassazione TARI vale più di 350 mila euro.
Aumento che, peraltro, sembra punire i canosini per il loro impegno nella raccolta differenziata. Sembra che il motto della giunta La Salvia sia: meno inquini e più paghi. “È sempre una vit toria, per un’ Amministrazione, riuscire ad attuare dei tagli sulla fiscalità a favore della comunità”, dice l’ assessora Pastore. Le fa eco il consigliere Papagna, che si unisce ai toni trionfalistici parlando di una “vittoria per tutta l’ amministrazione.
” Siamo d’ accordo, è una vittoria per u n’ amministrazione alleggerire il carico fiscale sui cittadini, ma i fatti dicono che la giunta La Salvia ha perso clamorosamente: faccia un favore ai canosini, la smetta di prenderli in giro offendendo la loro intelligenza e vada a casa.
*consigliere comunale di opposizione Idv – Canosa.

Leave a Reply

— required *

— required *



Indirizzo Nazionale:
Via di Santa Maria in Via, 12 00187 - Roma

Telefono Nazionale
06-69923306

Email: info@italiadeivalori.it
Le nostre immagini
Ultimi Tweet
'footernav', 'container' => '')); ?>
Italia dei Valori - Puglia | Tutti i diritti riservati ©