1 febbraio 2016 | by La Redazione Puglia IDV
«Proviamo a mettere al servizio del paese le capacità di tutti»

«Politica a San Giorgio, ne vogliamo parlare?». L’ espressione semplificata riconduce ad una seria ed attenta riflessione di Luciano Pisanello, che rompe «il silenzio che mi ero imposto sul piano strettamente politico» e che propone «di fermare le lancette e fare tutti una seria autovalutazione». Si sussurra il suo nome tra i “papabili” candidati sindaci […]

«Politica a San Giorgio, ne vogliamo parlare?». L’ espressione semplificata riconduce ad una seria ed attenta riflessione di Luciano Pisanello, che rompe «il silenzio che mi ero imposto sul piano strettamente politico» e che propone «di fermare le lancette e fare tutti una seria autovalutazione». Si sussurra il suo nome tra i “papabili” candidati sindaci ma Luciano Pisanello, dirigente nazionale Idv, cerca di andare oltre.
«La politica sangiorgese – risponde Pisanello – negli ultimi anni ha fatto registrare rotture su aspetti personali e si sono cosi frantumate coalizioni che erano nate con obiettivi. Questo ha determinato un imbarbarimento, un frastagliamento inspiegabile che non si possono giustificare se si ha una visione alta della politica. Di conseguenza la cittadinanza molto spesso ha dato un giudizio superficiale sugli atti amministrativi. Ricucire lo strappo tra i politici e i cittadini è fondamentale, entrambe le parti devono responsabilmente comunicare perché la delega non si esaurisce nel voto, gli amministratori devono sentire anche una certa pressione che si materializza nell’ attenzione costante e nelle analisi profonde».
«Non c’ è ma stato il coraggio delle scelte e una attenzione per la program mazione. Non si è riusciti a mantenere gli equilibri e a guardare nel tempo, coltivando sogni e speranze per dare un significato alla presenza dei sedici mila abitanti. Il fatto che non siamo stati in grado anche campanilisticamente di consegnare alla società civile e istituzionale qualche figura di spicco, questo significa che siamo rintanati nel nostro piccolo, pensando che nel litigio si potesse esprimere meglio il senso del fare politica».
«Sicuro, lo sono stato e lo sono ancora oggi ma penso che in ogni azione ci siano punti di debolezza e punti di forza. Quello che però è mancato è stata la coesione d’ intenti: quella capacità di mettere insieme le forze che possa Anche lei non è stato tenero con i suoi antagonisti politici…
no esprimere capacità. Sarò “ecumenico”: io credo che in tutti i protagonisti della politica territoriale ci siano delle persone capaci: a volte manca il principio della costruzione e del dialogo preferendo la difesa ad oltranza di se e delle proprie idee».
«Senza dubbio: cosa vogliamo fare di questo paese? Proviamo a mettere al servizio della città le capacità di tutti.
Ci sono forze produttive che sono state ignorate quando avevano in serbo progetti di tutto rispetto. Si sono ritirate perché hanno trovato ostacoli. Tutte le risorse serie e qualificate, legittime, nel rispetto delle regole, vanno sfruttate al meglio. Insieme possiamo costruire nel tempo un paese migliore».

La domanda allora che lei pone a se stesso e agli altri qual è?
«Senza dubbio: cosa vogliamo fare di questo paese? Proviamo a mettere al servizio della città le capacità di tutti.
Ci sono forze produttive che sono state ignorate quando avevano in serbo progetti di tutto rispetto. Si sono ritirate perché hanno trovato ostacoli. Tutte le risorse serie e qualificate, legittime, nel rispetto delle regole, vanno sfruttate al meglio. Insieme possiamo costruire nel tempo un paese migliore».

Leave a Reply

— required *

— required *



Indirizzo Nazionale:
Via di Santa Maria in Via, 12 00187 - Roma

Telefono Nazionale
06-69923306

Email: info@italiadeivalori.it
Le nostre immagini
Ultimi Tweet
'footernav', 'container' => '')); ?>
Italia dei Valori - Puglia | Tutti i diritti riservati ©