25 febbraio 2014 | by La Redazione Puglia IDV
No a discriminazione tra cittadini

Questa mattina ho partecipato al presidio dell’Oua, Organismo Unitario dell’Avvocatura Italiana, per esprimere solidarietà ai colleghi avvocati e perché condivido pienamente le ragioni della loro protesta. Come al solito per risolvere i problemi si utilizzano metodi assolutamente sbagliati. Invece di rendere il sistema giustizia più funzionale, dando più risorse e più mezzi al comparto, il […]

Questa mattina ho partecipato al presidio dell’Oua, Organismo Unitario dell’Avvocatura Italiana, per esprimere solidarietà ai colleghi avvocati e perché condivido pienamente le ragioni della loro protesta. Come al solito per risolvere i problemi si utilizzano metodi assolutamente sbagliati. Invece di rendere il sistema giustizia più funzionale, dando più risorse e più mezzi al comparto, il governo Letta ha mortificato il lavoro degli avvocati, creando una discriminazione tra i cittadini, ed ha penalizzato quelli meno abbienti, visto l’aumento dei costi a loro carico per ottenere giustizia. Si pensi, per esempio, al fatto che bisognerà anticipare parte del contributo dovuto per l’eventuale impugnazione, per conoscere le motivazioni della sentenza, per non parlare della reintroduzione della mediazione obbligatoria. Questa, oltre ad essere una perdita di tempo, costituisce una vera e propria truffa ai danni del cittadino, visto l’aggravio dei costi difficilmente recuperabili. L’istituto della mediazione, già voluto da Alfano, ha dimostrato tutta la sua portata fallimentare, visto che non c’era bisogno dello stesso per arrivare ad una soluzione bonaria della vicenda, bastava il buon senso delle parti. Il fatto poi che sia prevista la corresponsabilità dell’avvocato, nel caso in cui il cliente intenti una causa per lite temeraria, perdendola, è un fatto grave e profondamente iniquo, in quanto la temerarietà o meno di una lite la si può stabilire soltanto al termine del procedimento medesimo. Una giustizia così non è giustizia ma rappresenta una vera e propria prepotenza a danno dei più deboli. Invece di chiedere ai cittadini di pagare per far valere le proprie ragioni, si recuperino i soldi dall’evasione fiscale e dalla lotta alla corruzione e agli sprechi della Casta.

Antonio Di Pietro

Leave a Reply

— required *

— required *



Indirizzo Nazionale:
Via di Santa Maria in Via, 12 00187 - Roma

Telefono Nazionale
06-69923306

Email: info@italiadeivalori.it
Le nostre immagini
Ultimi Tweet
'footernav', 'container' => '')); ?>
Italia dei Valori - Puglia | Tutti i diritti riservati ©